Castellina in Chianti
























Cose da vedere a Castellina


Rocca Comunale di Castellina
Rocca Comunale di Castellina


Fare clic sulle fotografie per ingrandirle.

La Rocca Comunale di Castellina

Le principali caratteristiche di interesse di questa fortezza del XV secolo, che ora ospita il municipio, sono l'atrio, la stanza del consiglio, la sala del Capitano, il cortile e il pozzo. La hall d'ingresso ospita i ritrovamenti etruschi riportati alla luce nella zona. Sotto il soffitto, è possibile ammirare un bassorilievo in bronzo, tributo ai cittadini di Castellina uccisi durante la prima guerra mondiale. A sinistra, lo stemma dei Granduchi di Habsburg-Lothringen. Le finestre dell'ultimo piano offrono una vista magnifica del paese e della campagna circostante.

Rocca Comunale di Castellina in Chianti
Rocca Comunale of Castellina

Fortezza di Castellina in Chianti
Rocca Comunale of Castellina



La chiesa di San Salvatore

Questa chiesa del XVI secolo, ricostruita e ampliata dopo la seconda guerra mondiale, è in stile neoromanico. Contiene un affresco importante della Madonna sul trono attribuito a Bicci di Lorenzo (1373-1452) e una statua lignea rinascimentale di San Barnaba, l'ex santo patrono del paese. Nella navata destra, c'è un'urna in legno con decorazioni in oro che contiene le spoglie di San Fausto, l'attuale santo patrono, donate dalla famiglia Ugolini nel XVIII secolo. La navata sinistra contiene un'Annunciazione del XVII secolo della scuola toscana. A sinistra del coro, è possibile ammirare un ciborio rinascimentale del XV secolo e, dietro l'altare, c'è un crocifisso del XVII secolo. Nel transetto, è presente un organo moderno a 40 canne che ha sostituito il precedente nel 1965. Le tre campane risalgono al 1797.

Chiesa di San Salvatore, Castellina in Chianti
Chiesa di San Salvatore, Castellina

Chiesa di San Salvatore, Castellina
Chiesa di San Salvatore, Castellina

Via delle Volte

Si tratta di un bellissimo passaggio ad arco che conduce alle mura orientali, in origine un vecchio "pomerium", una zona pubblica di origine arcaica adiacente alle mure utilizzata per scopi sacri e militari. In origine senza copertura, fu gradualmente coperto da residenze private appoggiate alle mura quando queste ultime non avevano più la loro funzione difensiva.

Via delle Volte, Castellina in Chianti
Via delle Volte

Via delle Volte, Castellina in Chianti
Via delle Volte


Via Ferruccio

La strada principale di Castellina, con diversi ristoranti, alcuni dei quali con tavoli all'aperto. Sul lato destro verso nord c'è Palazzo Ugolini, in passato Palazzo Squarcialupi, che ha un'ampia facciata con tre portali in pietra ricoperti da pietra arenaria grigia e otto finestre ad arco al primo piano, allineate con le finestre quadrate del piano sovrastante. La facciata riporta due stemmi in pietra appartenenti alla famiglia Ugolini. Il Palazzo Biancardi adiacente ha tre piani e due terzi delle sue finestre hanno cornici in pietra arenaria. L'ingresso è sovrastato dallo stemma dei Medici di Papa Leo X (Giovanni de Medici, figlio di Lorenzo il Magnifico e papa dal 1513 al 1521), che alloggiò qui nel 1513.

Via Ferruccio Castellina in Chianti
Via Ferruccio

Palazzo Squarcialupi Castellina
Palazzo Squarcialupi

Luoghi da visitare nei dintorni di Castellina


Tomba etrusca a Monte Calvario

Una delle scoperte archeologiche più interessanti in tutto il Chianti fu la tomba etrusca seppellita sotto un tumulo sul Monte Calvario, subito fuori Castellina. La tomba risale al VI secolo a.C. e ha quattro cripte di tipo ipogeo orientate a nord, sud, est e ovest, ognuna composta dalla camera principale e da celle laterali. La tomba fu scoperta nel XVI secolo e riportata alla luce nel 1915.

La necropoli etrusca di Poggino dista 2-3 km da Castellina in Chianti, sul lato destro lungo la strada 222 (la "Via Chiantigiana") in direzione di Siena, subito prima del villaggio di Fonterutoli. Nel bosco sono state trovate cinque tombe etrusche, risalenti al VI secolo a.C. Nella lobby di Rocca di Castellina sono in mostra alcuni degli arredi delle tombe, compresi due anfore con figure nere attiche e un unguentario etrusco-corinzio di Vulci.


Tomba etrusca sul Monte Calvario
Tomba etrusca sul Monte Calvario

Tomba etrusca nella necropoli di Poggino
Tomba etrusca nella necropoli di Poggino


Pieve di San Leonino in Conio

San Leonino in Conio è una chiesa parrocchiale molto antica, che in passato controllava Castellina in Chianti. Tutto quello che ne rimane ora è la vecchia chiesa romanica, con il suo interno molto interessante e la bellissima abside. Accanto alla chiesa, ci sono alcuni vecchi edifici ora utilizzati come canonica. C'è inoltre un piccolo cortile con chiostro, con un antico pozzo nel centro.

Pieve di San Leonino in Conio
Pieve di San Leonino in Conio

Canonica di San Michele vicino a Rencine

Nella parte meridionale dei territori di Castellina e all'estremità più remota della regione del Chianti, davanti alla fortezza di Monteriggioni, è possibile ammirare i resti di un castello immenso ma quasi completamente distrutto. La Canonica di San Michele, con una navata e senza abside, è in un buono stato di conservazione. Una caratteristica unica e interessante è il motivo decorativo sulla facciata, con piccoli archi supportati da sottili semi-colonne con piccoli capitelli insoliti, reminiscenza della vicina Abbey di San Salvatore a Badia a Isola. La linea decorativa è interrotta al centro, perché distrutta in passato e poi restaurata..

La Pieve di Sant’Agnese e altre strutture

La Pieve di Sant'Agnese, sulla strada principale da Castellina in Chianti a Poggibonsi, appartiene alla diocesi di Siena. La chiesa ha tre navate e tre absidi. Fu distrutta durante la seconda guerra mondiale, per poi essere completamente ricostruita seguendo la struttura e le dimensioni originali. La torre campanaria è imponente..

Nella zona ci sono anche altre chiese romaniche, comprese quelle di San Cispiano e San Quirico. La prima, con la sua navata singola e la piccola abside è, come le chiese romaniche nella regione del Chianti, costruita con pietra alberese color avorio. La seconda ha un'unica navata e una torre campanaria aggiunta su un lato in un secondo momento. Nessuna delle decorazioni architetturali è sopravvissuta fino ai nostri giorni.

Nella regione di Cispiano, gli imponenti resti del Castello di Monternano, i cui riferimenti risalgono al 1089 e che fu distrutto nel 1254 dall'esercito fiorentino, sono quali completamente coperti da vegetazione. Sono ancora visibili solo i portali, le mura e i passaggi sotterranei. Un luogo molto affascinante, ma difficile da individuare.



Panorama da Castellina in Chianti
Panorama da Castellina in Chianti



Anna Maria Baldini























Castellina in Chianti © ammonet InfoTech 1998 - 2017. Tutti i diritti riservati.